Incontri per amanti dei piedi

Solo siti di incontri per veri amanti dei piedi

piedi-femminili-sesso

Leccami i piedi e ti farò godere con la mia lingua

Sono sempre stata una donna dominante a letto, lo sono fin da quando ragazza ho avuto le prime avventure tra le lenzuola.

piedi-femminili-sessoLavoro in una azienda molto piccola da molti anni, e il mio capo mi ha fatto sempre stato in una posizione subalterna, forse questa voglia di rivalsa si esprime a letto, dominando gli uomini cui concedo i miei “favori”, ed esasperando la mia voglia di comando.

Sono una bella donna e sono consapevole di esserlo, se voglio ho la fila fuori dalla mia camera da letto, negli anni però ho iniziato a voler dai miei compagni di avventura una devozione totale, quella devozione che gli schiavi devono avere verso la loro padrona.

Li attendo di solito vestita con un lungo vestito nero, calze auto reggenti in tinta, e scarpe con il tacco altissimo.

Il mio schiavo dovrà essere nudo, mi eccita l’idea della differenza che già si vede dalla diversa vestizione.

Egli s’inginocchierà e immediatamente inizierà a leccare le scarpe, il gesto non è doloroso in se ma è molto umiliante, e negli anni ho imparato che le umiliazioni sono la cosa che danno più fastidio agli uomini.

Una volta che la sua lingua avrà lavorato per bene sulle mie calzature, gli accorderò il permesso di passare ai miei piedi.

Ho scoperto che ad alcuni maschi da molto fastidio, ed è per questo che ordino loro di dedicarsi con attenzione alle mie estremità.

Di solito mi accomodo sul divano, mi eccita sentire la loro lingua bagnare le mia dita. Sono un amante dei miei piedi, secondo me sono la parte migliore del mio corpo, non tanto grandi né tanto piccoli, (porto il 38), unghia ben curate e dita distanziate.

Amo particolarmente vedere lo schiavo che si occupa delle dita uno ad uno, mi piace quando trovo qualcuno che mima una “fellatio” con i miei piedi, non sono in molti disposti a farlo e quando questo accade vado in estasi.

Non sono una padrona particolarmente esigente, non mi piace fare provare tanto dolore al mio schiavo, voglio però che egli si concentri in tutto e per tutto sui piedi, e per questo chiedo che li massaggi, li coccoli, li lecchi, li succhi.

So che a molti sembrerà strano, ma se il mio compagno di giochi è particolarmente bravo, la mia eccitazione mi porta quasi all’orgasmo, starei ore a farmi leccare i piedi, ore che come successo altre volte, passo in una esaltazione corporale veramente magnifica.

A volte basta toccarmi dopo il trattamento ai piedi per farmi venire, in qual caso per esprimere la riconoscenza verso il mio compagno di giochi, concedo lui la mia lingua. Sono in molti a riconoscere che sono bravissima.

Mi piace leccare, anche se di solito dopo ore di eccitazione lo schiavo di turno non resiste per molto.

È questa forse la mia migliore ricompensa, sapere che i miei piedi eccitano un uomo, e riuscire a replicare la sua devozione facendolo godere con pochi colpi di lingua ben assestati, una ricompensa che sono in moti a gradire.

nylon-feet

Perchè molti cercano Pantyhose? cosa è?

La cultura fetish

Il fetish, o meglio la cultura fetish, è un insieme di pratiche riguardanti abitudini, preferenze, stili di vita specificamente diretti e, generalmente, espressi in comportamenti, moda e anche esiti artistici. I primi segni di questa cultura nacquero dall’opera di alcuni fumettisti. Nel 1940 venne pubblicata la prima rivista fetish. Nel giro di pochi anni da passione personale divenne rapidamente una moda diffusa con, ad esempio, la creazione di feste ed eventi a tema. Differenti e numerose sono le varie forme di feticismo, certamente quella più diffusa è la pratica pornografica riguardante un grande numero di appassionati e praticanti. Spesso durante raduni, incontri, appuntamenti l’abbigliamento è influenzato dal tipo di passione inseguita e prevede, generalmente, l’utilizzo di vestiti in pelle o in nylon.

L’Italia e il fetish

Il Fetish Pride Italy, si tiene ogni anno a Roma. Gli eventi sono organizzati solitamente tra la fine di febbraio e gli inizi di marzo. Nel 2015 le date saranno quelle dal 20 febbraio al 2 marzo. Il programma per esteso prevede molti spettacoli ed eventi. Il 20 febbraio, ad esempio, sarà occasione per un’esibizione di foto fetish utilizzata per dare il via al party di benvenuto serale. Il 27 febbraio poi saranno organizzati alcuni contest a tema, fino alla famosa Fetish Night.
Per quanto riguarda il mese marzo sono previste due sole giornate per il Fetish Pride Italy. Non solo saranno inaugurate tre feste a tema specifico, ma anche sfilata per le vie di Roma, Brunch finale e party d’addio. Inutile dire che in ogni di queste giornate il tema Pantyhose sarà dominante, diffuso e molto presente.

Qualche curiosità a proposito del pantyhose

La cultura fetish, come ogni altra società composta o cultura complessa, presenta particolarità specifiche e alcuni rituali curiosi. Come non pensare ai costumi, maschere e abbigliamento richiesto e obbligato in alcune feste? Catwoman, personaggio dei fumetti americani, è considerato simbolo della cultura fetish. Per conoscere tutto quello che bisogna sapere a proposito di nylon, autoreggenti, calze e parigine è stato pubblicato un ottimo libro: Nylon Girls.
Il cuore di questo volume sono gli scatti sensuali di alcune modelle fetish, tra le più conosciute del pianeta, costruiti dalla sapiente e ricercata Christine Kessler. Le calze di nylon sono davvero il punto a fuoco di ogni pagina, di ogni scatto, per ogni ragazza: il vezzo affascinante, molto più di un semplice indumento femminile. Un multiforme universo si spalanca davanti ai nostri occhi: potranno essere, allora, velate, con conturbanti ricami, vintage e con la riga in mezzo.. Le foto sono ben composte, sorprendenti e, spesso, piuttosto eccitanti. Nylon Girls è un libro è una strepitosa guida al mondo fetish, al paese delle pantyhose, un’ottima introduzione per capire le ragioni della passione per le calze velate che riguarda da sempre milioni di appassionati. Una passione speciale e conturbante con molte diverse possibilità di espressione, ora, grazie anche alla rete.